Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
giovedì 1 novembre 2018 - Riconosciuti 14 crediti formativi dal Coa di Roma per il Forum Nazionale del prossimo 9 e 10 novembre. giovedì 4 ottobre 2018 - Sono On line i fascicoli 1 e 2 relativi al periodo gennaio-agosto 2018 della rivista dell' Osservatorio. giovedì 4 ottobre 2018 - L’Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza ha presentato la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori venerdì 9 novembre 2018 - FORUM 2018. La famiglia e i minori alla Corte di Strasburgo. Le tecniche difensive dinnanzi alla CEDU venerdì 7 settembre 2018 - Proroga al 18 settembre per l’iscrizione al secondo corso in diritto di famiglia della Scuola di alta formazione dell’Osservatorio, Scuola Superiore dell’Avvocatura e Università di Roma Tre. Il corso avrà inizio con il modulo del 28 e 29 settembre 2018 martedì 4 settembre 2018 - Proroga dei termini per l'iscrizione del corso biennale - anno accademico 2018 - 2020 - di specializzazione in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni. venerdì 24 agosto 2018 - Il rapporto di Save the Children sulla condizione dei minori non accompagnati in Italia. Di Valeria Cianciolo venerdì 24 agosto 2018 - Pubblicato indice definitivo della Rivista di Ondif. Anno 2 nn. 1 e 2/18, gennaio-agosto 2018 venerdì 24 agosto 2018 - Il disegno di legge Pillon n. 735 “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità” Breve nota esplicativa di Claudio Cecchella. venerdì 24 agosto 2018 - L’elzeviro dell’Osservatorio di Valeria Cianciolo.
  • mercoledì 31 agosto 2016

    Stralciata dal Decreto Legge la riforma del processo, restano le norme per l'efficienza degli uffici giudiziari

    In data 30 agosto 2016 il Consiglio dei Ministri dava corso ad una bozza di decreto legge che conteneva anche modifiche al codice di procedura civile. Ieri il Governo ha però stralciato la parte concernente la riforma del processo.
    Le novità che erano emerse nella prima bozza: 
    - giudice unico. Le cause di I grado sono trattate da un giudice unico.
    L'atto introduttivo diventa il ricorso, sparisce l'atto di citazione. Il convenuto potrà costituirsi fino a dieci giorni prima dell'udienza, ma dovrà indicare tutte le deduzioni, eccezioni, prove e documenti. In prima udienza si ammettono o meno le prove, e si discutono tutte le eccezioni.
    Il giudice pronuncia sentenza dopo l'assunzione delle prove e dopo discussione orale (senza conclusionali). 
    Termine massimo per l'intero giudizio: 160 giorni. 
    Questo nuovo processo dovrebbe entrare in vigore dopo 30 giorni dall'entrata in vigore della legge e in contemporanea dovrebbe sparire il 702 bis cpc.
    Spariscono tutti i diversi tipi di rito: resta il rito ordinario e quello del lavoro. 
    Gli avvocati potranno utilizzare dichiarazioni scritte per suffragare le ragioni dei propri assistiti, semplici dichiarazioni consegnate dal cliente e da terzi. Il giudice le valuterà ai fini della decisione.
    Le regole del processo civile saranno quelle del rito del lavoro. 
    Cassazione : verranno rafforzati gli organici impiegando magistrati dell' ufficio del Massimario e del ruolo 
    Sarà aumentato l'organico dei magistrati sino ad un decimo dei posti disponibili e relativi al concorso 2014-2015.
    Pensione magistrati: prorogati i termini sino al 1 gennaio 2017 per vertici Cassazione, Consiglio di stato, Corte dei Conti e Avvocatura dello Stato.
    Avvio processo amministrativo telematico dal 1^ gennaio 2017.

    in allegato la bozza del testo che circolava ieri.
    Il testo approvato è rinvenibile al seguente link.