Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 27 aprile 2016

    Iscrizione anagrafica e cambio di sesso. Ammessa anche senza intervento chirurgico. Tribunale di Savona. Sentenza 357 del30 marzo 2016.

    Accolta la richiesta di iscrizione all'anagrafe di un uomo, separato, che si era sottoposto non ad un intervento chirurgico ma solamente ad una terapia ormonale femminilizzante al fine di cambiare sesso. Il giudice di merito ha ritenuto che "l'esplicazione della identità risulterebbe ingiustificatamente compressa ove la modificazione chirurgica dei caratteri sessuali divenisse presupposto indefettibile della rettificazione degli atti anagrafici, considerato che la modificazione chirurgica potrebbe anche essere foriera di un danno alla salute fisica, o psicologica del soggetto, costituzionalmente tutelata ai sensi dell'articolo 32 Costituzione".
    Seppur infatti dal dettato normativo emerga che «il diritto alla rettificazione dell'attribuzione di sesso è riconosciuto nei limiti “dell'intervenuta modificazione dei caratteri sessuali, requisito che la giurisprudenza maggioritaria ha interpretato come necessità dell'intervento di riassegnazione chirurgica del sesso», in realtà "non si ricava immediatamente quali debbano essere i caratteri sessuali da modificare, potendosi ritenere sufficiente anche una modifica dei caratteri sessuali secondari, per la quale è normalmente sufficiente effettuare delle cure ormonali, e non anche una modifica dei caratteri sessuali primari (ossia gli organi genitali), che richiede, invece, una operazione chirurgica particolarmente invasiva"
    Pertanto, si impone la necessità di una "interpretazione, maggiormente coerente con la realtà attuale del transessualismo, per la quale la rettificazione di sesso prescinde dall'esecuzione di un intervento chirurgico demolitivo ricostruttivo" e non si frappongono ostacoli all'iscrizione all'anagrafe del Comune di residenza come persona di sesso femminile.