Riconosciuto lo status di rifugiato allo straniero omosessuale che fugge dal proprio paese di origine in cui l'omosessualità è reato punibilie con detenzione. Tribunale di Milano - Sezione I civile - Ordinanza 27 ottobre 2015

Riconosciuto lo status di rifugiato allo straniero omosessuale che fugge dal proprio paese di origine in cui l'omosessualità è reato punibilie con detenzione. Tribunale di Milano - Sezione I civile - Ordinanza 27 ottobre 2015

venerdì, 20 novembre 2015
Giurisprudenza | Stranieri | Merito
apri il documento allegato per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il ricorrente, a sostegno della propria domanda di protezione internazionale, aveva dedotto  che era stato costretto a lasciare il suo paese in seguito alla scoperta del proprio orientamento sessuale da parte della comunità e che in Nigeria l'omosessualità era considerata un reato.


Il Tribunale di Milano, ritenuto credibile quanto dichiarato dal ricorrente, osservava che, nel caso in esame, la discriminazione per l'appartenenza ad un determinato gruppo sociale (e, nello specifico, l'orientamento sessuale del ricorrente ) costituiva un aspetto fondamentale dell'identità umana che una persona non doveva assolutamente essere costretta a nascondere o abbandonare.

Tale discriminazione di cui il ricorrente era divenuto oggetto, pertanto, diventava una forma di persecuzione, atteso che in Nigeria l'omosessualità era un reato  punito con la pena detentiva. 


Pertanto, accoglieva il ricorso ed attribuiva al ricorrente lo status di "rifugiato"ai sensi della Convenzione di Ginevra relativa allo status dei rifugiati del 28.7.1951 e del D.Lvo 19.11.2007. n. 251;

Focus on