Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 2 maggio 2012

    sezione di Livorno

    Validità di una scrittura di vendita - Gli eredi possono far dichiarare nulla la scrittura con cui si conferisce la procura a vendere originariamente sottoscritta dal de cuius(Cass. sent n° 6138/2012)

    Gli eredi possono far dichiarare nulla la scrittura con cui si conferisce la procura a vendere originariamente sottoscritta dal de cuius.

    In materia di disconoscimento di scrittura privata non si richiedono formule sacramentali, essendo sufficiente che venga contestata l’autenticità della scrittura nella sua interezza o limitatamente alla sottoscrizione. Lo ha ribadito la Cassazione con la Sentenza n. 6138/2012. Il caso in esame riguarda una eredità. Alcuni eredi convenivano in giudizio, innanzi al Tribunale di Chiavari, il presunto acquirente di alcuni immobili, facenti parte dell’eredità, chiedendo che fosse dichiarata la proprietà in capo agli stessi di tali immobili, essendo essi eredi del de cuius, nonché che fosse dichiarata nulla la scrittura privata in virtù della quale il presunto acquirente affermava di avere acquistato i suddetti beni in forza di procura.