Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 25 marzo 2005

    La pensione di reversibilità all’ex coniuge non presuppone necessariamente la titolarità attuale dell’assegno divorzile. - Cass. sez. lavoro, 25 marzo 2005, n. 6429

    - Presupposti e decorrenza -
    Il diritto del coniuge superstite (nel concorso con il diritto dell’ex coniuge) alla quota di pensione di reversibilità sussiste anche se se l’assegno divorzile non è goduto attualmente dal richiedente ma ne sussistono i presupposti.