Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 10 ottobre 2003

    È irripetibile il trattamento pensionistico percepito in base a provvedimento del giudice. - Cass. sez. I, 10 ottobre 2003, n. 15164

    - Irripetibilità -
    Il principio di irripetibilità delle somme percepite in forza di provvedimenti ex articolo 708 del cpc, desunto dall’articolo 189 delle disposizioni di attuazione del cpc, e applicabile, per analogia alla riforma di sentenze provvisoriamente esecutive di divorzio, deve ritenersi applicabile anche in materia di ripartizione di trattamenti pensionistici ex articolo 9 della legge sul divorzio fra coniuge superstite e coniuge divorziato, nei limiti in cui detti trattamenti siano riconducibili a prestazioni che, per la loro misura e le condizioni economiche del percettore, possano ritenersi dirette ad assicurare unicamente i mezzi economici necessari per fare fronte alle esigenza di vita. Ciò, per un verso stante la funzione obiettivamente solidaristica della pensione di reversibilità ripartita fra i due ex coniugi; per altro verso in quanto il principio di irripetibilità desumibile dall’articolo 189, è applicabile per analogia in modo espansivo, quale espressione di un generale principio di intangibilità delle prestazioni pecuniarie percepite, senza dolo o colpa grave, in base a provvedimenti giurisdizionali attinenti al diritto di famiglia e diretti ad assicurare i mezzi economici per fare fronte alle esigenze della vita dei percipienti, così da essere normalmente consumate per adempiere a tale loro destinazione.