L'attitudine e la credibilità del minore a testimoniare sono 

giudizi preliminari rispetto alla valutazione dell'attendibilità della prova. - Cass. penale, sez. 

III, 7 febbraio 2007, n. 5002

L'attitudine e la credibilità del minore a testimoniare sono giudizi preliminari rispetto alla valutazione dell'attendibilità della prova. - Cass. penale, sez. III, 7 febbraio 2007, n. 5002

mercoledì, 7 febbraio 2007
Giurisprudenza | Diritto penale della famiglia | Legittimità

- Violenza sessuale (art. 609 bis c.p.) -
La valutazione del contenuto delle dichiarazioni del minore- parte offesa in materia di reati sessuali in considerazione delle complesse implicazioni che la materia stessa comporta, deve contenere un esame sia dell'attitudine psicofisica del teste a esporre le vicende in modo utile ed esatto sia della sua posizione psicologica rispetto al contesto delle situazioni interne ed esterne. Proficuo, in proposito, è l'uso dell'indagine psicologica, che concerne due aspetti fondamentali: l'attitudine del bambino a testimoniare, sotto il profilo intellettivo e affettivo, e la sua credibilità. Il primo consiste nell'accertamento della sua capacità di recepire le informazioni, di raccordarle con le altre, di ricordarle e di esprimerle in una visione complessa, da considerare in relazione all'età, alle condizioni emozionali, che regolano le sue relazioni con il mondo esterno, alla qualità e natura dei rapporti familiari. Il secondo – da tenere distinto dall'attendibilità della prova, che rientra nei compiti esclusivi del giudice – è diretto a esaminare il modo in cui la giovane vittima ha vissuto e ha rielaborato la vicenda in maniera da selezionare sincerità, travisamento dei fatti e menzogna.

Focus on