Sussiste la responsabilità dei genitori per omissione della 

necessaria vigilanza indipendentemente dal fatto che la scuola segnali le ripetute assenze del figlio. 

- Cass. penale, sez. III, 4 settembre 2007, n. 33847

Sussiste la responsabilità dei genitori per omissione della necessaria vigilanza indipendentemente dal fatto che la scuola segnali le ripetute assenze del figlio. - Cass. penale, sez. III, 4 settembre 2007, n. 33847

martedì, 4 settembre 2007
Giurisprudenza | Diritto penale della famiglia | Legittimità

- Inosservanza dell'obbligo di istruzione (art. 731 c.p.) -
L'obbligo imposto a chiunque sa rivestito di autorità o incarico della vigilanza sopra un minore di impartirgli o fargli impartire l'istruzione obbligatoria, implica anche l'obbligo di vigilare e controllare il minore per assicurarsi che questi si rechi realmente a scuola per ricevere l'istruzione. Specialmente di fronte a lunghe ingiustificate assenze da scuola – come è provato essere accaduto nel caso di specie – la sussistenza dello elemento soggettivo del reato non può essere esclusa dalla mancata prova della conoscenza delle comunicazioni inviate dalla autorità scolastica, atteso che la colpa, sufficiente per la configurabilità della contravvenzione in esame, è riscontrabile già nell'avare, senza giusto motivo, omesso di adempiere il proprio dovere di sorveglianza e di vigilanza sul minore e di assicurarsi che questo si rechi a scuola per ricevere l'istruzione.

Focus on