Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • martedì 4 marzo 2003

    I diritti di credito non entrano in comunione. - Cass. sez. II, 4 marzo 2003, n. 3185

    - Diritti di credito -
    La comunione legale tra i coniugi, di cui all’articolo 177 del codice civile riguarda gli acquisti, ovvero gli atti implicanti l’effettivo trasferimento della proprietà della res o la costituzione di diritti reali sulla medesima, non quindi i diritti di credito sorti dal contratto concluso da uno dei coniugi i quali, per la loro stessa natura relativa e personale, pur se strumentale all’acquisizione di una res, non sono suscettibili di cadere in comunione. Deriva, da quanto precede, pertanto, che in caso di contratto preliminare di vendita stipulato da uno solo dei coniugi, l’altro non è legittimato a proporre domanda di esecuzione specifica, ai sensi dell’articolo 2932 del codice civile.