Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 24 luglio 2003

    La comunione legale si scioglie con la delibazione della sentenza di nullità. - Cass. sez. I, 24 luglio 2003, n. 11467

    - Cessazione -
    La sentenza ecclesiastica dichiarativa della nullità del matrimonio rende applicabili, per effetto della delibazione, le norme regolanti casi e modalità di scioglimento della comunione dei beni tra i coniugi; comunione che continua a sussistere nella forma legale, al fine della divisione in parti eguali dell’attivo e del passivo (articolo 194, comma 1) per espressa volontà di legge, la cui ratio coincide con le motivazioni - parità tra i coniugi a tutela di quello economicamente più debole (Corte costituzionale 6/87) - ispiratrici della riforma del 1975 in materia di regime patrimoniale preferenziale della famiglia.