Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 30 ottobre 2003

    Le obbligazioni personali contratte prima del matrimonio non vincolano l’altro coniuge. - Cass. sez. II, 30 ottobre 2003, n. 16361

    - Amministrazione e responsabilità -
    Stante il disposto di cui all’articolo 189 del codice civile secondo cui i beni della comunione non rispondono delle obbligazioni contratte da uno dei coniugi prima del matrimonio, ove uno di questi abbia, con preliminare stipulato anteriormente al matrimonio, promesso in vendita a un terzo un immobile di edilizia popolare ed economica, di cui era assegnatario, la domanda di esecuzione specifica di quel contratto non può trovare accoglimento ove proposta, successivamente al matrimonio, nei confronti di entrambi i coniugi, nelle more divenuti proprietari dell’immobile stesso in regime di comunione legale.