Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • lunedì 14 marzo 2005

    La legittimazione congiunta in caso di comunione legale dei beni è richiesta solo per gli atti di straordinaria amministrazione. - Cass. sez. I, 14 marzo 2005, n. 5526

    - Amministrazione e responsabilità -
    Nell’ambito dei poteri di amministrazione e rappresentanza in giudizio spettanti disgiuntamente ai coniugi, ex articolo 180 del Cc, rientra la legittimazione attiva e passiva di ciascuno di essi a stare in giudizio per la tutela dei beni oggetto della comunione. La legittimazione congiunta dei coniugi in regime di comunione è richiesta relativamente ai soli atti di straordinaria amministrazione, mentre per l’ordinaria amministrazione può agire anche uno solo dei coniugi comproprietari del bene. Nell’ambito dell’ordinaria amministrazione è da ritenere compreso il corrispettivo per il godimento del bene, cui può essere equiparata, a tale limitato profilo, l’indennità per la requisizione, comprensiva delle voci di cui essa si compone in base al criterio di determinazione, in concreto adottato dal giudice.