Poiché è prevedibile che un bambino malnutrito possa morire 

non è censurabile la decisione di condanna per omicidio volontario di due genitori che hanno 

maltrattato la figlia trascurandone i bisogni alimentari primari. - Cass. penale, sez. I, 14 maggio 

2008, n. 21329

Poiché è prevedibile che un bambino malnutrito possa morire non è censurabile la decisione di condanna per omicidio volontario di due genitori che hanno maltrattato la figlia trascurandone i bisogni alimentari primari. - Cass. penale, sez. I, 14 maggio 2008, n. 21329

mercoledì, 14 maggio 2008
Giurisprudenza | Diritto penale della famiglia | Legittimità

- Omicidio volontario (art. 575 c.p.) -
Non è configurabile l'ipotesi aggravata di cui all'art. 572, comma 2, c.p. (morte come conseguenza non voluta dei maltrattamenti) - ma quella di omicidio volontario di cui all'art. 575 c.p. - nel caso in cui la morte della vittima, sottoposta a continui maltrattamenti, sia oggetto della sfera rappresentativa e volitiva dell'agente, oltre ad essere causalmente collegata alla condotta da questi posta in essere. (In applicazione di questo principio la S.C. ha ritenuto immune da censure la decisione con cui il giudice di merito ha affermato la sussistenza del delitto di omicidio volontario nella condotta di due conviventi che avevano omesso di somministrare il cibo ad una bimba, continuamente sottoposta a maltrattamenti e di cui avevano la responsabilità della cura ed educazione, correttamente ritenendo che rientra nella cognizione e nell'esperienza di qualsiasi individuo, pur se dotato di modeste facoltà cognitive e intellettive, che la mancata somministrazione di cibo ad un bambino è destinata a provocarne la morte).

Focus on