L'addebito della separazione richiede la prova che 

l'irreversibilità della crisi coniugale sia ricollegabile al comportamento contrario ai doveri del 

matrimonio. - Cass. sez. I, 23 maggio 2008, n.13431

L'addebito della separazione richiede la prova che l'irreversibilità della crisi coniugale sia ricollegabile al comportamento contrario ai doveri del matrimonio. - Cass. sez. I, 23 maggio 2008, n.13431

venerdì, 23 maggio 2008
Giurisprudenza | Addebito della separazione | Legittimità

- Presupposti -
La dichiarazione di addebito della separazione richiede la prova che l'irreversibilità della crisi coniugale sia ricollegabile al comportamento contrario ai doveri del matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, sussistendo un nesso di causalità tra di esso e il determinarsi dell'intollerabilità della convivenza. In particolare la l'inosservanza dell'obbligo di fedeltà deve ritenersi di regola circostanza sufficiente a determinare l'addebito della separazione a carico del coniuge responsabile, fermo restando che deve sussistere il nesso di causalità tra l'infedeltà e la crisi coniugale, il quale viene meno ove preesista una crisi già irrimediabilmente in atto.

Focus on