Le reiterate violenze fisiche e morali sono causa di addebito 

senza che il giudice abbia l'obbligo di effettuare comparazioni con il comportamento dell'altro 

coniuge. - Cass. sez. I, 19 maggio 2006, n. 11844

Le reiterate violenze fisiche e morali sono causa di addebito senza che il giudice abbia l'obbligo di effettuare comparazioni con il comportamento dell'altro coniuge. - Cass. sez. I, 19 maggio 2006, n. 11844

- Motivi -
Le reiterate violenze fisiche e morali, inflitte da un coniuge all'altro, costituiscono violazioni talmente gravi dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare di per sé sole, non solo la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti l'intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all'autore di esse, e da esonerare il giudice del merito, che abbia accertato siffatti comportamenti, dal dovere di comparare con essi, ai fini dell'adozione delle relative pronunce, il comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze, trattandosi di atti che, in ragione della loro estrema gravità, sono comparabili solo con comportamenti omogenei.

Focus on