Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • responsabilità dell'insegnante, del genitore, del tutore

    responsabilità dell-insegnante, del genitore, del tutore

    Alfredo Ferrante
    La responsabilità civile dell’insegnante, del genitore e del tutore
    Giuffrè (Il diritto privato oggi - Schede a cura di Paolo Cendon), 2008
    .

    Il tema trattato da Alfredo Ferrante nel libro «La responsabilità civile dell’insegnante, del genitore e del tutore», é di pregnante e recentissima attualitá anche in relazione ai continui fenomeni di bullismo. Il libro assume ancor piú interesse in virtú delle considerazioni che vengono fatte in relazione ai genitori separati e divorziati e alla relazione intercorrente tra l’articolo 2048 e la potestá genitoriale. Questo anche alla luce della sentenza della Cassazione civile 7050/2008, dello scorso marzo, che condanna i genitori indipendentemente dalla coabitazione con il minore.

    L’attuale struttura sociale agevola il compimento di fatti illeciti da parte di un soggetto, il minore, che, ad una progressiva autonomia ed indipendenza di movimento, non associa una indipendenza patrimoniale; da ciò scaturisce la necessità di individuare un soggetto responsabile che tuteli il terzo danneggiato (si pensi appunto ai fenomeni di bullismo).

    Un complesso di più di settecento sentenze, nonché la predisposizione di una serie di schemi riassuntivi relativi al possibile differente riparto della responsabilità tra genitori separati o divorziati (anche in virtù della legge sugli affidamenti condivisi) e alla differente responsabilità tra insegnante di scuola pubblica e privata offrono, tanto al professionista quanto allo studioso, una visione completa delle problematiche sollevate dagli articoli 2047 e 2048 c.c..

    L’opera si arricchisce di riferimenti all’esperienza comparatistica. La tematica relativa alla responsabilità dell’infermo di mente, la responsabilità dell’istruttore
    sportivo e la possibilità di ridurre la responsabilità dell’insegnante dinnanzi all’azione di rivalsa dello Stato sono solo altri dei molteplici profili sviluppati in un’opera che si propone di offrire agli operatori del diritto un quadro chiaro e puntuale.