Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 1 dicembre 2017

    Protezione internazionale: il Tribunale ha l'onere di acquisire d'ufficio informazioni aggiornate e dettagliate sul paese d'origine – Cass. 14 novembre 2017 n. 26921

    Un cittadino straniero, omosessuale, si era visto negare il provvedimento di protezione internazionale e umanitaria in quanto il Tribunale in primis e poi la Corte d'Appello da un lato aveva ritenuto contraddittorio e privo di specifici riscontri il suo racconto ed aveva ritenuto la situazione del paese di provenienza non così pericolosa per il richiedente.
    Questi elementi, pur essendo di mero fatto, vengono valutati rilevanti dalla Suprema Corte in quanto valutati in maniera superficiale e incompleta dalla Corte Territoriale. La Cassazione infatti rileva come l'inattendibilità del richiedente non possa essere frutto di una mera valutazione soggettiva del giudicante (che aveva liquidato il racconto come "improbabile"), ma debba essere puntualmente motivata secondo i criteri di cui all'art. 3 comma 5 dlgs 251/2007. Specifica inoltre che debbono essere acquisite d'ufficio, in ogni modo e non solo tramite i canali di cui all'art. 8 c. 5 d.lgs 25/2008, le informazioni necessarie. Essendo mancati sia la corretta motivazione della valutazione dell'attendibilità del richiedente sia un'accurata indagine sul paese di provenienza, il provvedimento viene cassato con rinvio.