Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 24 novembre 2017

    Reato la convivenza con una minore infrasedicenne, anche se per la cultura Rom il matrimonio ha valore anche con spose di giovane età. Cass. del 22 novembre 2017 n° 53135

    La cassazione ha precisato che è da considerarsi irrilevante la cultura Rom che vede come valida ed efficace ai fini della validità del contratto matrimoniale anche la convivenza con minori di sedici anni. Per lo Stato italiano tali regole non possono valere e anche in caso di consenso della minore, la convivenza o il matrimonio non sono leciti nè integrano un contatto valido. Anche gli atti sessuali compiuti in corso di convivenza in dette modalità integrano pertanto atti di violenza su minore ex art 609 quater c.p., poichè la convivenza fra le parti non può essere considerata "paritaria", essendo irrilevante, per le leggi dello Stato, il "matrimonio rom" culturalmente accettato dai due.