Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 25 novembre 2017

    Integra accesso abusivo nel sistema telematico, la condotta dell'ex moglie che accede alla posta elettronica del marito, anche se ne conosceva le credenziali. Cass. sent. del 17 novembre 2017 n° 52572

    Anche se la donna era a conoscenza della password che proteggeva l'accesso al server di posta elettronica proprio perchè detta informazione le era stata fornita dall'uomo, la Cassazione non esclude il reato di accesso abusivo nel sistema informatico, ex art 615 ter c.p.,La conoscenza della password di accesso alla cartella, sostengono i giudici, non esclude affatto la sussistenza del reato in questione: l'account di posta elettronica rappresenta pur sempre uno spazio di memoria protetto da una password personalizzata, di un sistema informatico destinato alla memorizzazione di messaggi o di informazioni di altra natura nell'esclusiva disponibilità del suo titolare identificato da un account registrato presso il provider del servizio.Nel caso in esame, la circostanza della conoscenza delle credenziali di accesso da parte della ricorrente , non esclude il carattere abusivo dei due accessi da lei effettuati, soprattutto in considerazione del risultato ottenuto, palesemente in contrasto con la volontà del titolare della casella elettronica, ovverosia quello di modificarne la password e impostare una nuova domanda di recupero contenente una frase ingiuriosa.