Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 18 novembre 2017

    Realizza la condotta illecita di sottrazione di minore il genitore in regime di affido condiviso che non rientri nel paese di residenza del minore. Cass. 13 ottobre 2017 n. 24173

    La madre nell'agosto 2015 si trasferiva dagli USA all'Italia e non faceva più ritorno.

    Il padre avanzava istanza di rimpatrio e il procedimento si avviava su ricorso del PM. 

    Secondo il Tribunale per i Minorenni il diritto di custodia del padre è stato violato in quanto l'autorità giudiziaria USA ha disposto l'affido congiunto ad entrambi i genitori, attribuendo alla madre l'affidamento fisico primario.

    Il piano di consenso genitoriale permanente allegato alla sentenza di divorzio prevede l'obbligo espresso per il genitore che intenda trasferirsi all'estero di rispettare un onere di notifica all'esito del quale l'altro genitore può far valere il suo dissenso. In questa ipotesi il trasferimento può avvenire soltanto con un provvedimento giudiziale.

    Sussiste la sottrazione internazionale, essendo fuori discussione che la residenza abituale del minore sia negli USA, dove egli è nato ed ha sempre abitato, radicandovi relazioni sociali, culturali ed amicali.

    Non sussistono le circostanze ostative consistenti nel fondato rischio per il minore di trovarsi esposto, una volta rientrato nel suo paese di residenza, a pericoli fisici e psichici o comunque di trovarsi in una condizione intollerabile (art. 13, lett. b della Convenzione dell'Aja del 25 ottobre 1980).

    Quanto al mancato ascolto del minore e alla omessa consulenza tecnica il Tribunale ha fornito ampia spiegazione, rilevando che la condizione di stress emotivo del minore aveva causa proprio nella pervicace conflittualità genitoriale e che la documentazione medica prodotta era del tutto sufficiente a tracciare la situazione psichica del minore.