Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdý 3 novembre 2017

    La rettificazione del sesso pu˛ essere ottenuta anche solo con la dimostrazione della definitivitÓ della scelta senza necessitÓ di intervento chirurgico ľ Tribunale di Trento 29 settembre 2017

    Nel caso in esame il ricorrente domandava congiuntamente la rettificazione del proprio sesso da maschile a femminile e la cessazione degli effetti civili del matrimonio in essere con la moglie. Nella sentenza viene ricostruito il percorso del ricorrente, dalla psicoterapia, alla presa di coscienza della propria identitÓ sessuale, sino alla terapia ormonale sino all'asportazione dei genitali maschili, sino alla ricostruzione di apparenti genitali esterni femminili, senza per˛ la creazione di una vagina artificiale.
    Il Tribunale, accogliendo le domande, aderisce alla linea interpretativa sancita dalla sentenza Cass.n. 15138/15, cui Ŕ seguita la pronuncia n. 221/15 della Corte Costituzionale in relazione all'art. 8 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertÓ fondamentali, stabilendo che il diritto ad autodeterminarsi in ordine all'identitÓ di genere, essendo elemento costitutivo del diritto all'identitÓ personale, Ŕ compreso nel novero dei diritti inviolabili della persona tutelati dalla nostra carta costituzionale e dalla CEDU. Ne deriva dunque che per conseguire la rettificazione del sesso nei registri dello stato civile, non sia obbligatorio l'intervento chirurgico demolitorio e/o modificativo dei caratteri sessuali anatomici primari, pur restando "ineludibile un rigoroso accertamento della definitivitÓ della scelta" stante il coinvolgimento dell'interesse di natura pubblicistica alla chiarezza nella identificazione dei generi sessuali.