Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 21 ottobre 2017

    Ai redditi dell'ex coniuge "forte" si guarda solo se il richiedente non ha mezzi propri. Cass. 9 otttobre 2017 n. 23602

    Alla richiesta di assegno di divorzio il giudice deve in primo luogo valutare se spetti e dunque verificare se la domanda sia presentata dall’ex coniuge in condizione di mancanza di mezzi adeguati o comunque a fronte della impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive non con riguardo al tenore di vita analogo a quello goduto durante il matrimonio ma con esclusivo riferimento all’indipendenza o autosufficienza economica dello stesso.
    Nel caso di specie, la Corte territoriale avrebbe erroneamente ritenuto che il divario tra le condizioni economiche delle parti al momento del divorzio ed il peggioramento di quelle dell’ex moglie rispetto alla vita matrimoniale giustificassero l’attribuzione dell’assegno, disattendendo il recente orientamento interpretativo del giudice di legittimità.
    In presenza di redditi o di cespiti di qualsiasi specie da parte del richiedente, non si supera la verifica dei presupposti per il riconoscimento dell'assegno.
    Al confronto con le condizioni reddituali dell’altro coniuge può aversi riguardo soltanto nella eventuale fase della quantificazione dell’assegno, alla quale è possibile accedere solo nel caso in cui la fase dell”an debeatur" si sia conclusa positivamente per il coniuge richiedente l’assegno.