Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 6 ottobre 2017

    La diagnosi pre-impianto in utero per l'esclusione di malattie genetiche deve essere effettuata con costi a carico del SSN - Tribunale di Milano 13-21 luglio 2017

    Due aspiranti genitori nel lontano 2014 proponevano ricorso ex art. 700 c.p.c. per vedere riconosciuto il loro diritto ad accedere alla fecondazione medicalmente assistita con diagnosi pre-impianto per l’accertamento dello stato di salute dell’embrione e specificatamente rispetto alla patologia congenita ed irreversibile di esostosi multiple ereditarie di cui era affetto uno dei genitori.  La questione veniva rimessa alla Corte Costituzionale, la quale decideva richiamando la nota sentenza 96/2015. A riassunzione del procedimento ex art. 700 veniva espletata CTU medico legale che confermava la patologia ed il Tribunale non solo accertava il diritto a tale diagnosi, ma ordinava che venisse eseguito a carico della Regione Lombardia, e ove ciò non fose possibile per carenza di strutture, anche fuori regione. Veniva interposto reclamo proprio sugli aspetti economici, domandando al Tribunale di specificare chi dovesse sobbarcarsi tale onere: il Collegio chiarisce che una volta stabilito che il costo debba essere a carico del SSN non sia suo compito individuare l'ente che materialmente debba sostenere tale spesa, ma per garantire l'effettività del diritto dei ricorrenti stabilisce che qualora la struttura individuata non possa procedere a tale diagnosi in forma diretta la stessa struttura sanitaria è tenuta ad assumere le necessarie iniziative per indirizzare la coppia in altra struttura (pubblica o privata convenzionata) attrezzata ad eseguire sia la diagnosi preimpianto sia il trasferimento degli embrioni, con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale e, quindi, della Regione Lombardia quale regione di residenza dei soggetti interessati.