Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 29 settembre 2017

    L'accertamento sulla presenza di alienazione genitoriale non deve essere di ostacolo al criterio della bigenitorialità. Cass. sent. n° 22744 del 28 settembre 2017

    Il criterio del mantenimento della bigenitorialità va fatto prevalere sulla possibile eventuale individuazione di una sindrome di alienazione parentale nei confronti dell'altro genitore. Non può risolversi la difficoltà della prole a frequentare e ad avere rapporti con uno dei due genitori capovolgendo la situazione e inibendo a quello che viene individuato come imponente la alienazione la frequentazione dei figli. A prescindere dalla reale sussistenza della volontà della madre di inibire al padre la frequentazione dei figli, la maturazione genitoriale si rileva anche dalla possibilità di mantenere frequentazioni equilibrate fra genitori e figli, in modo da garantire il diritto alla bigenitorialità della prole.