Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 16 settembre 2017

    Il tribunale impone affido condiviso anche se c'è forte resistenza da parte della madre, che non vorrebbe lasciare mai il piccolo solo con il padre. Trib. di Catanzaro, I sez civile, sent. del 28 giugno 2017.

    Il padre di un bambino di quattro anni desidera fortemente occuparsi del figlio. Ciò emerge sia dall'azione in Tribunale dello stesso, sia dal comportamento processuale. La madre non desidera che l'uomo abbia contatti con il bambino, anche se lo stesso si è affezionato al padre ed è stato felice di condividere anche i pochi momenti insieme a lui, come emerso in corso di causa. Non rilevando il Tribunale che la donna abbia saputo dimostrare con certezza e razionalità le motivazioni che la spingono a diffidare dell'uomo e del suo rapporto con il bambino, ed essendo in primis fondamentale per il piccolo costruire un rapporto con il padre a tutela del suo diritto alla bigenitorialità, il Tribunale fissa i parametri per i tempi di frequentazione fra padre e figlio, in regime di affido condiviso, prevedendo anche tempi in cui l'uomo possa vedere il bambino senza l'essere sottoposto a valutazione da parte dei servizi sociali.