Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 1 settembre 2017

    Lecita la condotta della ex moglie che chiede ed ottiene informazioni sul conto corrente dell'ex marito alla banca di costui. Cass. sent. 20649 del 31 agosto 2017

    La Corte di cassazione ha decretato inammissibile il ricorso del marito presentato a seguito della dichiarazione, da parte della Corte d'appello, dell'inammissibilità della sua posizione in quanto priva di una ragionevole probabilità di essere accolta. Resta ferma la pronuncia del giudice di primo grado, che aveva respinto la richiesta danni avanzata dall'uomo nei confronti della moglie, che sarebbe stata colpevole di aver illecitamente violato la sua privacy, assumendo informazioni circa lo stato del conto corrente dell'uomo per utilizzare le informazioni in causa di separazione. Secono la Corte la donna non aveva violato alcuna norma di legge né aveva tenuto un comportamento fraudolento ed inoltre l'uomo non aveva nemmeno offerto elementi fondanti il danno subito dalla condotta della ex.