Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 23 giugno 2017

    Necessario il contraddittorio per il riconoscimento in Italia dell'adozione di minore, figlio di coppia omosessuale, avvenuta all'estero . Cass. sent. del 16 giugno 2017 n° 14987

    La Suprema Corte ravvisa la violazione dell’art. 8 Cedu sotto il profilo del diritto alla pienezza delle relazioni familiari, che verrebbe inevitabilmente compromesso a seguito del diniego del riconoscimento in Italia dell’adozione del figlio minore, avvenuta con regolare provvedimento dell’autorità americana, da cui risultava che il bambino era figlio del ricorrente e del proprio compagno americano.
    Dal momento che il figlio minore del cittadino italiano non avrebbe potuto così godere di tutti i diritti connessi allo status filiale verso il genitore ed i parenti italiani, fondamentale è la centralità dell'interesse dello stesso nella decisione da assumere. Pur tuttavia, il riconoscimento dell’adozione viene nella specie rifiutato per la necessità preliminare di integrare il contraddittorio nei confronti dell’altro partner indicato come genitore.