Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 23 giugno 2017

    Ammesso riconoscimento in Italia dell'atto di nascita estero del figlio di coppia di due donne. Cass. sent. del 15 giugno 2017 n° 14878

    La coppia di donne, di nazionalità estera, trasferitesi in Italia, aveva richiesto  la rettificazione dell'atto di nascita del figlio nato all'estero. Si era però vista negare tale possibilità, prima dall'ufficiale di stato civile poi dal Tribunale e dalla Corte di Appello, in quanto disposizione che sarebbe stata contraria all'ordine pubblico italiano. La Corte di Cassazione invece, facendo attenta valutazione degli ultimi passaggi della normativa e delle interpretazioni più recenti, accoglie la richiesta delle odierne ricorrenti, e corregge il tiro delle interpretazioni delle Corti di merito. Trattandosi di fattispecie effettuata e perfezionata all'estero e certificata dall'atto di stato civile di uno stato straniero, la Corte ribadisce che, ad oggi, tale rettificazione non rappresenta atto contrario all'ordine pubblico italiano, alla luce della modifica delle disposizioni in materia di fecondazione eterologa e soprattuto alla luce del recente intervento del legislatore in materia di unioni civili.