Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 16 giugno 2017

    sezione di Udine

    Assegno di divorzio: il tenore di vita è parametro sia in punto an debeatur, sia in punto quantum. Tribunale di Udine, 1 giugno 2017

    Giudizio di divorzio. Richiesta di assegno divorzile e assegnazione della casa.
    Presupposto per l'assegnazione della casa è la convivenza con il figlio, nella specie maggiorenne, il quale non vive più con la madre. Insussistenza del presupposto dell'assegnazione. 
    Presupposti per il riconoscimento dell'assegno. L'orientamento tradizionale prevede due fasi: verifica dell'esistenza del diritto in astratto, sua determinazione in concreto. Tale bipartizione non ha fondamento nella legge, né un fondamento logico sistematico.
    I parametri utilizzati ai fini del riconoscimento, tra i quali anche il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, rilevano sia ai fini di riconoscimento, sia ai fini della sua quantificazione.