Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 14 giugno 2017

    Contrasti tra le sezioni in merito alla titolarità del diritto alla pensione di reversibilità del coniuge superstite beneficiario di una tantum. Cass. 10 maggio 2017 n.11453

    La Corte, nel rimettere la questione alle SS.UU., evidenzia come vi siano due orientamenti contrapposti, uno che che sottolinea il profilo previdenziale del diritto in questione così da non escludere il diritto alla pensione di reversibilità e l'altro che invece individua nella titolarità attuale del diritto all'assegno la condicio legis per l'erogazione della stessa. La presente ordinanza opera un excursus dettagliato dello stato della giurisprudenza della Corte a partire dalla pronuncia n° 159/1998 delle SS.UU. in cui si riconosceva la natura previdenziale del diritto alla pensione di revensibilità, sino alle pronunce più recenti in cui è emerso netto il contrasto fra le diverse Sezioni la quali, pur aderendo alla definizione del diritto de quo datone dalle SS.UU., ne hanno diversamente individuato il presupposto, di talchè in alcune pronunce vi è stata una lettura più favorevole al coniuge divorziato mediante una interpretazione dell'art. 9 c. 2 L. 898 /70 più estinseva e tutelante, mentre in altre vi è stata una rigidità che ha portato all'esclusione della provvidenza.