Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 9 giugno 2017

    La Corte di Appello di Trieste ribadisce necessità di autenticazione del notaio per i trasferimenti immobiliari nelle negoziazioni assistite. Corte di Appello di Trieste, ordinanza del 30 maggio 2017.

    Ordinanza della Corte d'Appello di Trieste in esito al reclamo dell'Agenzia delle Entrate avverso il provvedimento di ammissibilità della trascrizione del trasferimento immobiliare concluso tramite negoziazione assitita, senza l'intervento del notaio. La Corte di Appello ribadisce la necessità della autenticazione del notaio per i trasferimenti di diritti reali, anche in caso di negoziazione assistita, ritenendo sia stata data una interpretazione eccessivamente estensiva del potere degli avvocati in ambito certificatorio. Una attenta lettura del decreto reclamato evidenzia infatti che la trascrivibilità dell’accordo di negoziazione è stata ritenuta legittima dal Tribunale non tanto perchè l'autentica degli avvocati che ne sono stati garanti, sia stata equiparata a quella dei pubblici ufficiali, ma per l'equiparazione dell'accordo agli altri provvedimenti che concludono l'iter della separazione nanti l'autorità giudiziaria, sia essa consensuale o contenziosa.