Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 1 giugno 2017

    Il termine prescrizionale ex art. 480 c.c. decorre sempre dalla data di apertura della successione a nulla rilevando il rinvenimento di un testamento. Cass. 23 febbraio 2017 n°4695

    La sentenza in questione esamina due distinte questioni. In primo luogo riconosce che la delazione ereditaria sussiste anche qualora l'asse ereditario sia composto da sole passività (hereditatio damnosa), atteso che potrebbe comunque essere interesse del chiamato accettare per motivi morali ovvero per altre aspettative, riconoscendo che l'asse ereditario sia composto da tutti i rapporti giuridici in capo al de cuius, a prescindere dalla loro qualificazione come attività o passività.

    Inoltre precisa come il termine prescrizionale decennale per l'accettazione di eredità ex art. 480 c.c. decorra sempre dalla data di apertura della successione, a nulla rilevando la scoperta successiva di un testamento e la relativa pubblicazione, poiché il vigente ordinamento giuridico non prevede una distinta accettazione della eredita’ a secondo del titolo della delazione.