Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 19 maggio 2017

    Strasburgo condanna nuovamente l'Italia e indica la via giusta per la riforma: giudice unico specializzato. Affaire Improta c. Italia (Requête n. 66396/14 )

    Ancora una condanna all’Italia da parte della Corte di Strasburgo per l’ennesimo caso in cui il nostro Paese non è riuscito a garantire la relazione figlio minorenne-genitore escluso dall’altro genitore. La sentenza (Improta c. Italia, 4 maggio 2017) giunge a meno di due mesi di distanza dalle altre due in ambito di relazioni familiari: Talpis c. Italia, 2 marzo 2017 e Endrizzi c. Italia, 23 marzo 2017. Le condanne si susseguono ormai sempre più frequenti: Strasburgo ha richiamato l’Italia più volte a provvedersi di un “arsenale giuridico adeguato”.