Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 13 maggio 2017

    L’incontro al Cnf della Commissione famiglia, dell’Osservatorio e di Cammino, con Anm e Aimmf del 10 maggio 2017.

    Alla presenza del Sotto-segretario Sen. Chiavaroli e della relatrice al disegno di legge, Sen Filippin, che sarà presente ad eventi di ONDiF, come a Vicenza il 15 giungo pv e  Rossano Calabro il 24 giugno p.v., si è tenuto un proficuo incontro tra Associazioni specialistiche e Associazioni della Magistratura sotto la direzione del Presidente Mascherin e della Presidente della Commissione Famiglia Masi.

    I politici hanno ancora un volta dimostrato apertamente interesse per l’emendamento CNF, risultato del lavoro delle associazioni specialistiche e sottoscritto alla fine in modo pienamente adesivo da ONDiF e CamMino, che ha un preciso recepimento parlamentare.

    Il presidente dell’Aimmf, Dr. Micela, pur non manifestando una contrarietà di fondo all’emendamento, ma neppure elogio, ha sottolineato in modo esclusivo la esistenza a suo modo di vedere di problemi efficienza della giustizia minorile nella proposta degli avvocati, per la perdita di autonomia degli attuali Tribunale dei minorenni. Al contrario, apertamente aderente all’emendamento l’Anm, che ha avuto parole di elogio, pur evidenziando la necessità di un confronto ulteriore.

    E’ emerso nella discussione un problema di coordinamento con le regole dell’ordinamento giudiziario, sulla gestione  e direzione del nuovo tribunale, che deve esser approfondito. La Sen. Filippin ha pertanto chiesto un ulteriore incontro, che sarà fissato i primi di giugno, in parallelo con la discussione in Parlamento.

    Per la prima volta il mondo politico si è aperto all’Avvocatura, che ugualmente per la prima volta ha presentato una proposta unitaria, elaborazione delle associazioni specialistiche e fatta propria dal Cnf.