Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 12 maggio 2017

    sezione di Grosseto

    Al creditore spetta la valutazione sulla tutela del credito attraverso l'iscrizione ipotecaria. Corte d'Appello di Firenze 17 marzo 2017

    Decreto di omologa della separazione dei coniugi. Iscrizione ipotecaria sui beni immobili dell'obbligato a tutela del credito di mantenimento.
    L'obbligato promuoveva giudizio ai fini dell'accertamento della illegittimità dell'iscrizione ipotecaria e per il risarcimento dei danni.
    Il Tribunale dichiarava cessata la materia del contendere per intervenuto accordo.
    Impugnava l'obbligato sostenendo la necessità di una valutazione di esistenza di un pericolo di inadempimento a fondamento della domanda di iscrizione ipotecaria e richiamando Cass. 3 marzo 2004.
    La Corte d'Appello dissente dalla lettura data dall'appellante alla norma dell'art. 156 c.c.
    Ogni sentenza consente al creditore la tutela attraverso l'iscrizione d'ipoteca giudiziale ex art. 2818 c.c., in quanto ogni condanna è assistita dalla garanzia patrimoniale ex art. 2740 c.c.
    L'art. 156 c.c. è norma specifica dettata a tutela del credito al mantenimento: non richiede alcuna valutazione giudiziaria in ordine al periculum in mora, essendo tale valutazione rimessa alla discrezionalità della parte.