Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 4 maggio 2017

    Il supporto del corpo docente allo studente disabile deve essere garantito a prescindere dalla spesa che comporta. Consiglio di Stato, Sentenza 3 maggio 2017 n. 2023.

    Il Consiglio di Stato, con una sentenza "pilota" che ripercorre tutte le tappe del riconoscimento del diritto degli studenti disabili ad ottenere una educazione appropriata ed egualitaria aquella degli altri studenti, riconosce che " favore degli alunni disabili, militano i principi costituzionali della tutela dei diritti inviolabili e della solidarietà sociale (art. 2), il dovere di rimuovere gli ostacoli al pieno sviluppo della persona umana (art. 3), l'apertura a tutti della scuola (art. 34) e il diritto all'educazione (art. 38). Per tacere degli evidenti vantaggi per la società nel suo complesso e per le famiglie derivanti dalla integrazione nella scuola che apre al recupero ed alla possibilità per i disabili di contribuire alla vita sociale". Pertanto "i principi costituzionali impongono di dare una lettura sistematica alle disposizioni sulla tutela degli alunni disabili e a quelle sulla organizzazione scolastica e sulle disponibilità degli insegnanti di sostegno, nel senso che le posizioni degli alunni disabili devono prevalere sulle esigenze di natura finanziaria"