Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 19 aprile 2017

    Condanna per stalking nei confronti della donna che con le sue condotte aveva provocato ansia nell'ex e nella di lui attuale moglie. Cass. sent del 7 aprile 2017 n° 17793

    La donna aveva molestato e minacciato in più occasioni l'ex con il quale molti anni prima aveva intrattenuto una relazione sentimentale. Dopo averlo contattato presso l'utenza telefonica fissa che la parte offesa aveva dovuto cambiare, aveva iniziato a inviargli delle e-mail, prima direttamente e poi tramite un conoscente comune, provocando nel medesimo e nella moglie un particolare stato d'ansia, anche in considerazione del fatto che sempre in anni risalenti l'imputata aveva causato alla moglie della vittima lesioni gravissime per le quali aveva già patito una condanna. All'imputata viene anche contestata la recidiva della condotta, avendo la stessa reiterato condotte del tutto analoghe a quelle per cui aveva patito la precedente condanna, dimostrando una rinnovata pericolosità dell'agente.