Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 19 aprile 2017

    La madre narcotrafficante può scontare il residuo della pena presso il domicilio, a prescindere dalla gravità del fatto commesso. Corte Cost., sent. 12 aprile 2017 n° 76.

    La Consulta ha specificato che si può concedere il beneficio di poter terminare la condanna presso la propria abitazione alla carcerata che abbia già scontato almeno un terzo della pena e abbia prole di età inferiore ai dieci anni a prescindere dalla gravità di ciò che ha commesso, per tutelare il superiore interesse del minore a fruire in modo continuativo dell’affetto e delle cure materne.
    Pertanto l
    a Corte Costituzionale ha stabilito l’illegittimità costituzionale dell'articolo di legge che impedisce di poter scontare la pena presso il proprio domicilio a chi sia stato condannato perché colpevole del reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, specie se madre di minore di 10 anni.