Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 7 aprile 2017

    Anche il Tribunale di Roma sostiene la tesi della non necessarietà dell'intervento del notaio nel trasferimento immobiliare in negoziazione assistita da avvocati. Tribunale di Roma, decreto sez V del 17 marzo 2017

    Il tribunale di Roma ha ritenuto che gli accordi di negoziazione nei quali sono contenuti patti di trasferimenti immobiliari possano essere trascritti nei registri immobiliari in virtù della sola certificazione degli avvocati.
    Sostiene infatti che l'avvocato della parte, sia l'unico soggetto abilitato ad autenticare l'accordo raggiunto dai coniugi che si separano in regime di "negoziazione assistita" e pertanto "attesa l'equipollenza … tra accordo di separazione in regime di negoziazione assistita autorizzato dal PM e il verbale di separazione consensuale sottoscritto in Tribunale ed omologato, deve ritenersi che anche il primo possa essere trascritto, considerata l'identità della fonte (pattizia) e le medesime finalità di tutela perseguite".