Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 15 marzo 2017

    La perdita dell'occupazione non comporta la reviviscenza del mantenimento. Cassazione, 14 marzo 2017 n. 6509

    Obblighi di mantenimento del figlio maggiorenne - criteri per la decadenza - rilievo dell'età ma prevalente è la circostanza del raggiungimento di una capacità lavorativa a nulla rilevando la successiva perdita dell'occupazione.
    La figlia nella fattispecie aveva lasciato un'occupazione a tempo indeterminato a favore di una a tempo determinato, terminata la quale riteneva di poter nuovamente azionare un diritto al mantenimento.
    Non così per la Cassazione, la quale ritiene altresì inammissibili gli altri profili di doglianza: vizio processuale per la fissazione della medesima udienza per l'inibitoria e la presa in decisione - applicabilità del rito camerale ex art.4, L. 898/1970.
    Irrilevanti anche i problemi psichici ai fini del mantenimento.