Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 9 marzo 2017

    Impunità e avallo di violenza. Italia Condannata dalla Cedu per non aver difeso una madre e un figlio dalla violenza del marito e padre. AFFAIRE D’ALCONZO c. ITALIE (Requête no 64297/12)

    "L'inerzia” delle autorità nonostante le numerose denunce “ha creato una situazione d'impunità” tale da configurare addirittura “l'avallo” della violenza.
    Con questa motivazione la CEDU ha condannato l'Italia per non aver protetto il nucleo familiare dalla violenza di un padre, culminata dall'uccisione del figlio diciannovenne, intervenuto per difendere con il proprio corpo la madre dalla furia del padre ubriaco. Il ragazzo è stato ferito mortalmente.
    Secondo la CEDU, l'Italia è responsabile per la violazione degli articoli 2 (diritto alla vita), 3 (divieto di trattamenti inumani e degradanti) e 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione europea dei diritti umani. In sostanza, seguendo il ragionamento dei giudici, se la macchina della giustizia fosse intervenuta prontamente dopo le denunce, non si sarebbe arrivati a questo punto.