Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 24 febbraio 2017

    Suddivisione dei beni della coppia alla cessazione della convivenza di fatto. Cass. sent. n° 4685 del 23 febbraio 2017

    La convivenza more uxorio determina, sulla casa di abitazione ove si svolge il programma di vita comune, un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente, che assume i connotati tipici di una detenzione qualificata. Alla fine della convivenza, pertanto, correttamente si è formato il decisum sul fatto che avrebbero dovuto restituirsi i beni di dimostrata proprietà dell'ex convivente che lasciava l'abitazione, esclusi i beni strettamente connessi alle necessità dei figli della coppia di ex conviventi more uxorio, senza che, in tale pronuncia, si possa ravvisare indeterminatezza o genericità.