Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 16 febbraio 2017

    sezione di Genova

    Il giudice può discostarsi dalla volontà espressa dal minore tenuto conto del suo benessere. Tribunale di Savona, 30 gennaio 2015

    Coniugi adottanti minore - divorzio - figlio collocato presso la madre nella casa a lei assegnata di proprietà del marito. 
    Nuovo matrimonio della donna - ricorso per la modifica della condizioni - affido del minore.
    Conferma del regime di affidamento condiviso - scelta della collocazione - obbligo di ascolto del minore affinché possa fornire elementi per comprendere il suo interesse - volontà espressa dal minore di trascorrere pari tempo con i genitori - soluzione inappagante - consulenza tecnica - bisogno di stabilità familiare - necessaria la figura paterna che tuttavia potrebbe essere assorbita dall'attività lavorativa - previsione di uno stretto monitoraggio dei servizi e dovere di controllo da parte del genitore non collocatario - collocazione paterna - revoca dell'assegnazione della casa e dell'assegno di mantenimento - previsione di mantenimento diretto: i genitori provvederanno al mantenimento del figlio per i periodi in cui sarà con loro. Dettagliata regolamentazione del regime delle spese straordinarie.