Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 3 febbraio 2017

    Ne bis in idem: avviato il divorzio, è inammissibile la modifica della separazione. Tribunale di Torino, 21 ottobre 2016

    E' possibile la richiesta di modifica delle condizioni di separazione purché intervenga prima dei provvedimenti presidenziali della procedura di divorzio.
    Nel caso di specie il ricorso ex art. 710 cpc si è sovrapposto alla domanda di divorzio ed era già intervenuta ordinanza presidenziale che stabiliva i provvedimenti provvisori ed urgenti.
    Per evitare contrasti di giudicati e per il principio del ne bis in idem il ricorso per la modifica è dichiarato improcedibile.
    Stante l'attuale termine breve per la proposizione dell domanda di divorzio a seguito di separazione - 6 mesi ovvero 1 anno rispettivamente se proveniente da separazione consensuale o giudiziale - lo spazio che residua per la modifica delle condizioni di separazione è piuttosto ristretto, dovendo il 710 cpc intervenire entro l'avvio della procedura di divorzio.