Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 27 gennaio 2017

    Irrilevanza della separazione di fatto della coppia relativamente al mantenimento della cittadinanza italiana. Cass. sent. n° 696 del 17 gennaio 2017.

    Valide le motivazioni della Corte di Appello espresse sulla concessione della cittadinanza italiana ad una donna coniugata con un cittadino italiano. La domanda di cittadinanza viene presentata nelle more della separazione, quando fra i due era già intervenuta una separazione di fatto. Ricorre per Cassazione il Ministero dell'Interno, sostenendo che intervenuta la separazione di fatto, la donna non possa essere più cittadina italiana, ma abbia perso il requisito che le consentiva di ottenere lo status.
    La cassazione però ritiene che le motivazioni della corte territoriale siano valide. Il matrimonio non è ancora legalmente in essere e il dato normativo richiede la separazione, l'annullamento o il divorzio affinchè venga meno lo status di cittadino acquistato con le nozze.
    Le condizioni ostative alla concessione dello status di cittadino previste dall'art 5 co 1 della l 91 del 1992 e successive modifiche sono tipizzate e specifiche e non possono essere travalicate da situazioni elastiche e di mero fatto.