Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • martedì 10 gennaio 2017

    Famiglia di fatto incompatibile con assegno divorzile, perchè esclude ogni residua solidarietà postmatrimoniale con il coniuge. Cass. Ord. del 13 dicembre 2016 n° 25528

    L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, ancorche' di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilita' dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge, sicche' il relativo diritto non " entra in stato di quiescenza, ma resta definitivamente escluso". Infatti, la formazione di una famiglia di fatto - costituzionalmente tutelata ai sensi dell'articolo 2 Cost., come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalita' dell'individuo e' espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole, che si caratterizza per l'assunzione piena del rischio di una cessazione del rapporto e, quindi, esclude ogni residua solidarieta' postmatrimoniale con l'altro coniuge, il quale non puo' che confidare nell'esonero definitivo da ogni obbligo.