Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 13 gennaio 2017

    La dichiarazione dei redditi non sia l'unico elemento valutativo per la quantificazione dell'assegno di mantenimento. Cass. 12 gennaio 2017 n° 605.

    Valutando comparativamente le condizioni economiche dei singoli coniugi, la corte ritiene non necessariamente limitata alle dichiarazioni dei redditi la condizione economica dei due. Ciò ha un inequivocabile peso nella determinazione dei parametri per quantificare il "quantum" dell'assegno di mantenimento. Nel caso esaminato pesano per lui un rilevante patrimonio immobiliare, gestito in forma societaria, "tale da rendere inattendibile quanto dichiarato al fisco" e per lei i redditi derivanti da appartamenti affittati e il benessere della famiglia di origine.