Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 13 gennaio 2017

    Il minore straniero che sbarca in Italia non è in "stato di abbandono" ma necessita di un tutore per l'esercizio dei propri diritti. Cass. 12 gennaio 2017 n° 686

    La Cassazione, in merito alle condizioni di un minore straniero che sbarchi in Italia e venga accolto dalle strutture deputate a tale scopo, esclude che nella prima fase, si possa parlare di stato di abbandono inteso ex art 9 e 10 della l. 184 del 1983. Solo successivamente si possono verificare le condizioni per procedere all'adozione, una volta evidenziata l'esistenza delle condizioni di legge necessarie.