Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 8 luglio 2016

    L'impegno istituzionale dell'Osservatorio.

    L'Osservatorio Nazionale sul diritto di famiglia (ONDF) è impegnato in un rinnovato ruolo che valorizzi la sua elevata rappresentanza nell'ambito istituzionale, sia nei rapporti con il Consiglio Nazionale Forense e sia nei rapporti con il Ministero e il Parlamento.
    Quanto ai primi, peraltro non separati dai secondi, il Presidente nazionale dell'osservatorio parteciperà il giorno 13/07/2016 alla riunione convocata presso il Cnf della commissione famiglia, presieduta dalla consigliera socia dell'Osservatorio, Avv. Maria Masi, di cui è membro e delle associazioni specialistiche nel diritto della famiglia e minorile, dedicata alla negoziazione assistita in materia di separazione e divorzio. La prospettiva è quella di una riforma all'istituto, che sino ad oggi si è rilevata di scarso impatto nella pratica, ma anche quella di una maggior attenzione e consapevolezza dell'Avvocatura, laddove per la prima volta a quest'ultima è offerto  in via esclusiva uno strumento di risoluzione efficace e stragiudiziale delle controversie.
    Contestualmente sono stati presi contatti con le associazioni specializzate in materia di famiglia più rappresentative, al fine di condurre un'iniziativa comune volta a dare impulso, a fronte delle iniziative della magistratura minorile e di alcune espressioni dell'Avvocatura familiarista per la permanenza dell'istituto del tribunale per i minorenni, all'intento di riforma espresso nel disegno di legge delega governativo, già approvato alla Camera dei deputati e in discussione in Senato, probabilmente dopo il periodo estivo, impegnando l'Avvocatura nella direzione di un costruttivo apporto che tuttavia modifichi alcune scelte dello stesso disegno di legge. 
    A tale fine nei prossimi giorni sarà pubblicato un comunicato stampa delle associazioni sui principali quotidiani nazionali (Repubblica e Corriere della sera) e costituito nelle prossime settimane un tavolo tecnico comune delle associazioni al fine di interloquire unitariamente con le commissioni parlamentari, in vista di una modifica del disegno di legge. I temi che al tavolo tecnico saranno suggeriti sono quelli di un'effettiva abrogazione di un organo giudicante, non composto esclusivamente da magistrati togati, di una piena articolazione territoriale del giudice, in tal modo più vicina al cittadino, e di un rito, finalmente pienamente scritto, aperto alle garanzie del contraddittorio e del diritto alla prova, che razionalizzi unitariamente le espressioni frammentarie di una tutela giurisdizionale differenziata nelle controversie di famiglia, già contenute nei codici e nelle leggi speciali.
    Claudio Cecchella, Presidente ONDF.