Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 15 aprile 2016

    Il Tar annulla il decreto

    Secondo il Tar del Lazio (sentenza n. 4424/2016 allegata), "non risulta rispettato né un criterio codicistico, né un criterio di riferimento alle competenze dei vari organi giurisdizionali esistenti nell'ordinamento, né infine un criterio di coincidenza con i possibili insegnamenti universitari, più numerosi di quelli individuati dal decreto"
    Inoltre, viene censurata anche l'ipotesi della necessità di colloquio presso il CNF del professionista che voglia conseguire il titolo di specialista. Tale disposizione è stata considerata eccessivamente generica, foriera di difficoltà di interpretazione a discapito anche della necessaria tutela della concorrenza fra avvocati.